Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Le mie ragioni per un SI alla riforma Boschi

Ben 14 dei 28 Paesi dell'Unione Europea non hanno il Senato. Sono tutti Paesi con meno di 15 milioni di abitanti e questa sembrerebbe la soluzione tipica nelle situazioni meno complesse.

I 14 paesi rimanenti, tra i quali sono compresi quelli più popolosi, hanno tutti un Senato con funzioni più o meno differenziate rispetto e quelle della Camera, sia nelle modalità di elezione che nelle funzioni (Italia esclusa per ora) … e lo dico per i più irriducibili oppositori al cambiamento … il bicameralismo perfetto (o paritario) non esiste più in Europa e nessuno si sogna di introdurlo.

Con le dovute eccezioni e casi particolari l'identikit del Senato in Europa è quello di un Senato che non da la fiducia al Governo, che concorre al processo legislativo della Camera, ma senza avere l'ultima parola, tranne per leggi speciali, come per esempio le riforme costituzionali, le leggi relative ai trattati internazionali, e altri casi nei quali è necessario il suo voto.

E sopratutto è un Senato che svolge il ruolo di rappresentanza delle autonomie locali che eleggono i propri rappresentanti al suo interno attraverso elezioni dirette o di secondo livello.

Ma c'è di più … ad affermare o meglio definire questo modello sembrano tendere i progetti di revisione costituzionale presenti in molti paesi ... vedi il caso della Romania dove è in discussione il Senato delle autonomie in alternativa alla sua abolizione ... vedi l'Austria dove si stanno studiando importanti modifiche per accentuare il carattere di rappresentanza delle autonomie locali ... vedi la Francia dove le proposte di modifica vertono su una migliore rappresentatività delle realtà locali ... vedi il Belgio dove si pensa ad una miglior adattamernto alla struttura federale ... vedi la Germania dove si pensa ad una ridefinizione delle leggi federali che necessitano l'approvazione del Bundesrat …. e si potrebbe continuare.

Essendo l'Italia un paese di 60 milioni di abitanti, complesso sia politicamente che socialmente, è naturale che la riforma Boschi si sia ispirata al mantenimento del Senato partendo dalle caratteristiche che ho appena illustrato che è poi la stessa impostazione a cui si ispirano le maggiori democrazie europee come Germania, Francia, Spagna, Austria, Slovenia e altri ancora

Queste considerazioni e molte altre possibili, evidentemente non sono in grado di convincere i signori dei vari Comitati del NO di destra e di ultrasinistra che si stanno organizzando per respingere questa riforma. Pur non essendo in grado di opporre critiche credibili, cercano, con il referendum che si terrà presumibilmente verso la fine dell'anno in corso, di dare una spallata al Governo, rivelando lo scopo tutto politico dell'operazione.

Franco Monti 

Tag(s) : #Riforme