Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

L’incendio delle automobili del Sindaco di Moltrasio, Carmela Ioculano, dell’assessore Fazio e del signor Zerboni è stato un atto di intimidazione nei confronti dell’Istituzione comunale e di violenza nei confronti delle persone.

La reazione di solidarietà nei confronti delle persone colpite e di sdegno per l’aggressione all’Istituzione da parte di tutti i consiglieri comunali, dei rappresentanti di partiti e delle associazioni e di molti cittadini, è stata immediata.

Le motivazioni del gesto possono essere diverse; lo sapremo quando le forze dell’ordine individueranno i responsabili, ma la contemporaneità dell’aggressione al Sindaco, ad un assessore e ad una persona attiva nella vita amministrativa, non lascia dubbi: l’intenzione era di colpire il Comune, di intimidire l’Istituzione, forse per ripicca o per contrastare decisioni non gradite o addirittura per imporre decisioni illecite.

Attribuire le cause dell’atto alla presunta asprezza dello scontro politico locale, considerazione che traspare da alcuni articoli e lettere al giornale, non fa che alimentare il clima di tensione che si vorrebbe evitare e di fatto attribuisce un valore “politico” ad un atto demenziale o criminale.

A Moltrasio è in corso un corretto confronto tra gruppi politici nel merito delle scelte amministrative, condotto con la giusta determinazione da chi è convinto della propria concezione dell’amministrazione pubblica e dell’interesse comune; il confronto va mantenuto, il rispetto delle istituzioni, a partire dal Sindaco, va ribadito.

Penso piuttosto che un atto così ostile all’istituzione Comune possa maturare in persone propense alla violenza e socialmente marginali, che vivono in un ambiente di qualunquistica avversione nei confronti delle istituzioni in generale, avversione per altro alimentata da un clima politico nazionale di scontro istituzionale senza precedenti e di impunità dei potenti.

Ugo Targetti  - già consigliere comunale di Motrasio

Tag(s) : #Opinioni